LEndimione

Pietro Metastasio
L'Endimione

The Project Gutenberg eBook, Endimione, by Pietro Metastasio
This eBook is for the use of anyone anywhere at no cost and with almost no restrictions whatsoever. You may copy it, give it away or re-use it under the terms of the Project Gutenberg License included with this eBook or online at www.gutenberg.net

Title: L'Endimione
Author: Pietro Metastasio
Release Date: March 23, 2004 [eBook #11685]
Language: Italian
Character set encoding: ISO-8859-1
***START OF THE PROJECT GUTENBERG EBOOK ENDIMIONE***
Produced by Distributed Proofreaders Europe at http://dp.rastko.net in cooperation with Progetto Manuzio, http://www.liberliber.it Project by Carlo Traverso, revision by Claudio Paganelli.

PIETRO METASTASIO
L'ENDIMIONE

INTERLOCUTORI
DIANA.
ENDIMIONE.
AMORE in abito di cacciatore, sotto nome d'Alceste.
NICE compagna di Diana.

[La scena si finge in Caria, nelle falde del monte Latmo]

PARTE PRIMA

[DIANA e NICE.]
DIA. Nice, Nice, che fai? Non odi come Garriscon tra le frondi De' floridi arboscelli I mattutini augelli, Che al rosseggiar del Gange Escono a consolar l'Alba che piange? E tu mentre fiammeggia Su l'Indico orizzonte Co' primi rai la rinascente aurora, Placida dormi, e non ti desti ancora, E poi dirai: son io Della casta Diana La fortunata Nice Compagna cacciatrice? Lascia, lascia le piume, Neghittosa che sei; sorgi e raguna Per la futura caccia Dai lor soggiorni fuori Silvia, Aglauro, Nerina, Irene e Clori.
NIC. Tu mi condanni a torto, Bella Dea delle selve. E quando mai O per scosceso monte, O per erta pendice A seguir l'orme tue fu lenta Nice? Fra quante a te compagne Gli strali e l'arco d'or trattaron mai, Seguace pi fedel di me non hai. Ed or, perch un momento Forse pi dell'usato Al sonno m'abbandono, Neghittosa mi chiami, e pigra io sono?
DIA. Ah Nice, tu non sei Quale un tempo ti vidi. Or presso al fonte Ricomponi ed adorni Fuor del tuo stil con troppa cura il crine; Erri per le montagne Solitaria e divisa Dall'amate compagne; Pi le fere non curi, Sempre pensi e sospiri, e porti impressi I nuovi affetti tuoi nel tuo sembiante: O Diana non sono, o Nice amante.
NIC. Amante!
DIA. Il tuo rossore Pi sincero del labbro accusa il core.
Non ti celar con me; Un certo non so che Nel tuo rossor mi dice Che Nice arde d'amor.
Sei rea, se amante sei; Ma nel celar lo strale Fai con delitto eguale Oltraggio al tuo candor.
NIC. Dunque fallace ancora Tu mi credi...
DIA. Non pi, taci, ch'ormai Per le lucide vie s'avanza in cielo L'alto Nume di Delo, E col calido raggio De' rugiadosi umori L'erbe rasciuga, e impoverisce i fiori. Vanne, e pronta al mio cenno Le compagne risveglia, i veltri aduna E teco pensa intanto Che Ninfa a me diletta Io non vo' che si dica D'Amor seguace e di Diana amica
NIC. Io taccio alla tua legge: Ma poi dall'opra mia Vedrai se amante o cacciatrice io sia.
Bench copra al sole il volto Basso umore in aria accolto, Men lucente il sol non .
Tale ancor ne' detti tuoi Mi condanni e rea mi vuoi; Ma non perde il suo candore Il mio core e la mia f.

[DIANA ed AMORE.]
AMO. Bella Diva di Cinto, Non isdegnar che un pastorello umile Tuo compagno si faccia e tuo seguace.
DIA. Chi sei tu? Donde vieni? E qual desio A passeggiar ti tragge Queste felici piagge?
AMO. Alceste il nome mio; di Cipro in seno Apersi i lumi ai primi rai del giorno, E fin da' mici natali Fur mio dolce pensier l'arco e gli strali. Ma perch di sue prede Povero ho fatto il mio nato paese, Desioso ne vengo a nuove imprese.
DIA. E tu fanciullo ancora Osi aggravare il mal sicuro fianco Di pesante faretra, e non t'arresta Delle fere omicide il dente e l'ira?
AMO. Bench fanciullo sia, Questa tenera mano Un dardo ancor non ha scoccato in vano. Ben della mia possanza Darti sicuro pegno Coll'opre pi, che col parlar, mi giova; Qual io mi sia, te n'avvedrai per prova.
DIA. Orgogliosetto Alceste, Quel tuo parlar vivace Troppo ardito mi sembra, e pur mi piace. Mio compagno t'accetto; Or tu l'armi prepara, Pronto mi siegui, e le mie leggi impara.
AMO. E quai son le tue leggi?
DIA. Chi nelle selve amico Volge a Diana il core, Siegua le fere, e non ricetti Amore.
AMO. E perch tanto sdegno Contro un placido Nume, Per cui solo ha la terra ed han le sfere E vaghezza e piacere?
DIA. Se de' mortali in seno Ei versa il suo veleno, Fra' bellicosi sdegni Ardono le citt, cadono i regni.
AMO. Anzi nel dolce foco Degli amorosi sdegni Propagan le citt, crescono i regni.
DIA. Son compagni d'Amore Le guerre ed il furore.
AMO. E d'Amor son seguaci Le lusinghe e le paci.
DIA. Ors, teco non voglio Consumar vaneggiando il tempo in vano, Se me seguir tu vuoi, Amante esser non puoi.
AMO. Perdonami, Diana; Tuo compagno esser bramo, Ma di doppio desio mi scaldo il core. Amante e cacciatore Vo' con egual piacere Ferir le Ninfe e
Continue reading on your phone by scaning this QR Code

 / 10
Tip: The current page has been bookmarked automatically. If you wish to continue reading later, just open the Dertz Homepage, and click on the 'continue reading' link at the bottom of the page.