Lindomani

Neera

L'indomani, by Neera

The Project Gutenberg EBook of L'indomani, by Neera This eBook is for the use of anyone anywhere at no cost and with almost no restrictions whatsoever. You may copy it, give it away or re-use it under the terms of the Project Gutenberg License included with this eBook or online at www.gutenberg.net
Title: L'indomani
Author: Neera
Release Date: July 9, 2007 [EBook #22020]
Language: Italian
Character set encoding: ISO-8859-1
*** START OF THIS PROJECT GUTENBERG EBOOK L'INDOMANI ***

Produced by Carlo Traverso, Claudio Paganelli and the Online Distributed Proofreading Team at http://www.pgdp.net (This file was produced from images generously made available by Biblioteca Nazionale Braidense - Milano)

Neera
L'INDOMANI
PRIMA EDIZIONE
MILANO LIBRERIA EDITRICE GALLI DI CHIESA & GUINDANI =Lipsia= e =Vienna=, F. A. Brockhaus--=Berlino= A. Asher e C. =Parigi=, Veuve Boyveau--=Napoli= Ernesto Alfossi.
1889

L'INDOMANI

DELLA MEDESIMA AUTRICE
=Vecchie catene= L. 2-- =Novelle gaie= ? 3-- =Il castigo= ? 3-- =Un nido= (terza edizione) ? 2-- =Iride= (nuove novelle) ? 4-- =La freccia del parto= ? 2 50 =Un romanzo= ? 3-- =La Regaldina= ? 2-- =Addio= (quarta edizione) ? 2-- =Teresa= (quarta edizione) ? 2-- =Lydia= (secondo migliaio) ? 4-- =Il marito dell'amica= (seconda ediz.) ? 3--

(Diritti di traduzione riservati).

Neera
L'INDOMANI
PRIMA EDIZIONE
MILANO LIBRERIA EDITRICE GALLI DI CHIESA & GUINDANI =Lipsia= e =Vienna=, F.A. Brockhaus--=Berlino=, A. Asher e C. =Parigi=, Veuve Boyveau--=Napoli=, Ernesto Anfossi
1889

Propriet¨¤ letteraria.
Milano. Tip. Lombardi.

Ho pensato che qualche persona potrebbe arricciare il naso davanti a questo indomani, vocabolo non accettato da tutti; e qualche critico, come succede a volte, concentrare tutto il suo acume sul frontispizio, defraudando l'opera di quell'esame intelligente che ¨¨ il miglior premio cui aspiri lo scrittore.
Cambiare l'indomani con il domani non era cosa difficile, se a quel primo vocabolo, sortomi spontaneamente nel cervello col concetto stesso dell'opera, io non ci avessi tenuto con una specie di simpatia superstiziosa; oltre che mi sembra pi¨´ snello, pi¨´ vivo, pi¨´ efficace, pi¨´ preciso.
Decisi per¨° di chiedere un consiglio, anzi ne chiesi parecchi, col risultato di allargare la cerchia dei dubbi; perch¨¨ i partigiani del domani e dell'indomani si moltiplicarono senza fondersi.
Avevo, ¨¨ vero, Manzoni dalla mia, per il fatto che nei Promessi sposi si trova l'indomani, e con tale alleato mi potevo mettere in guerra; ma volli ancora sentire il parere di un dotto giovane, valente e noto poeta, che da Roma manda in giro tratto tratto versi squisiti di pensieri e di forma; ed ecco la risposta:
?L'indomani ha avuto molti accusatori tra i quali Fanfani, e molti difensori tra i quali Nannucci e Gherardini. Ne fece uso anche qualche scrittore autorevole. Io penso che, mentre il domani esprime meglio un giorno determinato, l'indomani esprime meglio un tempo continuato; non ¨¨ pi¨´ il preciso avverbio, ma un vero sostantivo. La preposizione in gli d¨¤ questo senso, n¨¨ so vedere, essendone l'etimologia puramente classica, perch¨¨ lo si dovrebbe bandire, costringendo la parola domani a significare un concetto che invece ha la sua propria espressione nella parola l'indomani.?
* * *
Nello schiudersi delle palpebre gli occhi di Marta, per abitudine, cercarono la nota cameretta; ma prima ancora che le pareti, i mobili e l'ampio letto la facessero avvertita del cambiamento, il cuore le sussult¨°. Ella era sposa.
Guard¨° subito suo marito. Alberto dormiva, coi lineamenti calmi, le guancie soffuse di un roseo colorito, cos¨¬ infantilmente placido e sereno che la barba sembrava uno scherzo intorno al suo volto. Marta lo guard¨° a lungo, intensamente, vedendo sfuggire in quel sonno ostinato una delle sue pi¨´ antiche fantasie d'amore, ma pur lieta di vegliare e quasi di proteggere quel sonno, presa da una tenerezza materna nella quale fondevasi la malinconia di un pensiero occulto.
Certo ella non poteva rimproverare a suo marito di non essersi svegliato prima di lei; fors'anche era meglio cos¨¬; s¨¬, s¨¬ meglio. Un altro ordine di idee la incalz¨° vivamente, facendola scivolare gi¨´ dal letto con una sollecitudine che somigliava ad una fuga.
E intanto che si vestiva, adagio, nella penombra della camera, prendeva intiero possesso della sua posizione di donna maritata, guardando l'anello d'oro che le scintillava alla mano sinistra, avendo paura di perderlo nell'infilare le maniche e studiando il problema se dovesse toglierselo o no prima di lavarsi. Perch¨¨ ella voleva poi continuare tutta la vita quello che avrebbe fatto il primo giorno; era amica dell'ordine e del sistema; voleva essere una buona donnina come la sua mamma e come tanti modelli di spose letti nei romanzi inglesi.
Il sogno della sua ardente giovinezza si era avverato a puntino; un uomo giovane, simpatico, onesto, l'aveva chiesta in moglie, le aveva dato il suo nome, la conduceva con s¨¨; l'amava dunque. Era l'amore ideale, vero, indistruttibile--forte come la morte.--La grandiosit¨¤ del paragone biblico la commosse; sent¨¬ uno slancio di profonda riconoscenza per Alberto, che le dava tutto ci¨° e chinatasi lieve lieve depose un bacio tenerissimo sulla mano che suo marito teneva allungata fuori della rimboccatura.
Era per¨° strano ch'ella si trovasse chiusa nella stessa
Continue reading on your phone by scaning this QR Code

 / 43
Tip: The current page has been bookmarked automatically. If you wish to continue reading later, just open the Dertz Homepage, and click on the 'continue reading' link at the bottom of the page.