Nana a Milano

Cletto Arrighi
Nana a Milano

The Project Gutenberg EBook of Nana a Milano, by Cletto Arrighi Copyright laws are changing all over the world. Be sure to check the copyright laws for your country before downloading or redistributing this or any other Project Gutenberg eBook.
This header should be the first thing seen when viewing this Project Gutenberg file. Please do not remove it. Do not change or edit the header without written permission.
Please read the "legal small print," and other information about the eBook and Project Gutenberg at the bottom of this file. Included is important information about your specific rights and restrictions in how the file may be used. You can also find out about how to make a donation to Project Gutenberg, and how to get involved.
**Welcome To The World of Free Plain Vanilla Electronic Texts**
**eBooks Readable By Both Humans and By Computers, Since 1971**
*****These eBooks Were Prepared By Thousands of Volunteers!*****
Title: Nana a Milano
Author: Cletto Arrighi
Release Date: November, 2005 [EBook #9302] [This file was first posted on September 19, 2003]
Edition: 10
Language: Italian
Character set encoding: ISO-8859-1
*** START OF THE PROJECT GUTENBERG EBOOK, NANA A MILANO ***

Claudio Paganelli, Carlo Traverso, Charles Franks and the Distributed Proofreaders team.
This book has been completed in cooperation with the Progetto Manuzio, http://www.liberliber.it
We thank the "Biblioteca Sormani" di Milano that has provided the images.

NAN¨¤ A MILANO
PER
CLETTO ARRIGHI
______
EDIZIONE PRIMA ____
MILANO 1880

ENTRATURA
Gli svegliarini critici dei nostri giorni sono tanto scorbellati, che se l'autore d'un libro non ha la precauzione di spiegarsi un poco, su ci¨° che ha inteso di dire e di fare, va a rischio di sentirsene a dir delle belle.
Per prima questione s'affaccia quella della scuola o del genere. Che ormai le panzane romantiche "fra il didascalico e il rompiscatole" a situazioni in sospeso, a caratteri tirati a pomice, e a personaggi tirati pe' capegli siano andate gi¨´ di moda e non piacciano pi¨´ neppure ai ragazzi non ci sar¨¤ forse a negarlo altro barbassoro, fuorch¨¨ un professore famoso per un certo suo grido.
Dunque, se voi signori, che state per leggere siete di quelli che nei racconti dei fatti contemporanei amano i babau della sospensione romantica e si compiacciono di non tirare il fiato se non dopo d'essersi bene assicurati che il fratello del figlio, del nipote, della cognata, del protagonista ¨¨ appunto il padre dello zio, del genero del cugino, dell'eroina, e vogliono che l'intreccio incominci, si complichi e si sciolga col finale trionfo di tutte quante le virt¨´ e col suo bravo castigo di tutte quante le colpe, se voi, dico, avete di queste fisime felice notte.
Oggid¨¬, mi duole il dirlo, tutto va a rovescio di quella conclusione, giacch¨¨ le virt¨´ che trionfano e le colpe che si castigano sono cose lasciate tutte all'altro mondo.
Dunque realismo!
E realismo vuol dire verit¨¤, vuol dire ricerca di ci¨° che veramente succede, sia pur doloroso e brutto; vivisezione, fisiologia palpitante, studia della vita quale essa si mostra, senza rispetti umani e senza reticenze.
Chi scrive _Nan¨¤ a Milano_ ormai non ammette in arte che il realismo; giacch¨¨ egli segue il suo tempo e nelle cose dell'oggi vede appunto la inesorabile verit¨¤, che fattasi iconoclasta, abbatte dovunque le imagini della finzione romantica: il cattolicismo ¨¨ distrutto dal libero pensiero, la bibbia ¨¨ annientata dalla scienza, la filosofia ¨¨ sconfitta del positivismo, la pittura dalla fotografia, la scultura dalla galvanoplastica, la musica dall'aritmetica. Vedete persino sul palcoscenico le illusioni che bastavano ai nonni come cedono il posto ai simulacri della realt¨¤: ai gabinetti e ai salotti dipinti a prospettive ed a scorci si sostituirono dei gabinetti e dei salotti reali, per mezzo delle scene parapettate; alle cascate d'acqua fatte, una volta, di tela d'argento girante sul r¨°tolo, si sostituisce l'acqua vera, cadente dall'alto e spruzzante le gambe delle ballerine... che magari non sono reali del tutto!
Se non che ¨¨ noto che ci sono due modi molto diversi di fare del realismo: c'¨¨ il realismo decente e c'¨¨ l'indecente. C'¨¨ il realismo decente nella forma, indecente nella sostanza, e c'¨¨ il realismo decente tanto nell'una che nell'altra. Tutta quanta la morale femminile della nostra societ¨¤ frolla e senza convinzioni molto fisse, risiede ormai nella decenza. In questa parola sta appunto anche l'avvenire della nuova scuola naturalista, tanto osteggiata da chi non l'ha ancora capita, e tanto compromessa da chi nella forma non ha saputo trovare il giusto mezzo fra la verit¨¤ nuda e cruda e la desiderata decenza.
Le trivialit¨¤, le bassezze, le turpitudini, le laidezze e le miserie umane--le quali in passato furono lasciate indietro da tutti i romantici, come cose da non svelarsi--devono essere portate in pubblico, chiarite, discusse, sviscerate una buona volta, perch¨¨ servano di leva al rimedio di ammaestramento, agli ingenui, di castigo e di flagello ai viziosi.
Tutto sta dunque a saperle svelare con decenza.
Emilio Zola, che ¨¨ pur sempre decente nella forma, ci present¨° in Nan¨¤ una donna che
Continue reading on your phone by scaning this QR Code

 / 92
Tip: The current page has been bookmarked automatically. If you wish to continue reading later, just open the Dertz Homepage, and click on the 'continue reading' link at the bottom of the page.