La contessa di Karolystria

Antonio Ghislanzoni

La contessa di Karolystria

Project Gutenberg's La contessa di Karolystria, by Antonio Ghislanzoni This eBook is for the use of anyone anywhere at no cost and with almost no restrictions whatsoever. You may copy it, give it away or re-use it under the terms of the Project Gutenberg License included with this eBook or online at www.gutenberg.org
Title: La contessa di Karolystria Storia tragicomica
Author: Antonio Ghislanzoni
Release Date: February 24, 2006 [EBook #17849]
Language: Italian
Character set encoding: ISO-8859-1
*** START OF THIS PROJECT GUTENBERG EBOOK LA CONTESSA DI KAROLYSTRIA ***

Produced by Carlo Traverso, paganelli and the Online Distributed Proofreading Team at http://www.pgdp.net (This file was produced from images generously made available by Biblioteca Nazionale Braidense - Milano at http://www.braidense.it/dire.html)

A. GHISLANZONI
LA CONTESSA DI KAROLYSTRIA
Storia tragicomica
MILANO
A. BRIGOLA & C., EDITORI Via Manzoni, 5

Propriet¨¤ letteraria.
Milano, 1883.--Tip. Pagnoni.

A SALVATORE FARINA
La nostra amicizia, che dura da anni, e che mai... Perch¨¨ mi trema la mano nello scrivere? Donde avviene che dopo aver messe l¨¤, sulla carta, una diecina di schiette parole, mi vien meno il coraggio di arrotondare il periodo per dichiararvi tutto l'affetto che vi porto?
Perdonate! Ho appena finito di leggere i due volumi del De-Amicis; due stupendi volumi, pieni di osservazioni vere e profonde, ma... ma... (la colpa non ¨¨ dell'autore, ¨¨ tutta mia) tanto affliggenti da produrre lo sgomento.
Eppure, noi siamo amici, io e voi.
Vi ¨¨ forse dell'orgoglio, da parte mia, nel dichiararlo al cospetto del pubblico?
¨¨ possibile. Ebbene, s¨¬! io vado orgoglioso della vostra amicizia; e voi, non ne dubito, vi compiacete della mia.
Ci amiamo noi per simpatia di et¨¤, di carattere, di inclinazioni, di gusti letterar?? Io sono un vecchio matto, voi un giovane serio ed assestato; io appartengo alla scapigliatura incorreggibile, voi rappresentate il modello dei cittadini, dei mariti e dei padri; io faccio della prosa per far ridere i buontemponi, fabbrico dei versi per far disperare i maestri, e voi scrivete dei romanzi squisitamente arguti, per educare gli animi a tutto che vi ha di gentile e di onesto; infine, voi recitate, sul palcoscenico della letteratura, le parti dignitose e sentimentali, io recito da caratterista e qualche volta da buffo.
Ed ecco, malgrado questa antitesi, io non mi prendo veruna soggezione a presentarvi e dedicarvi il pi¨´ balzano, il pi¨´ strampalato de' miei racconti. Perch¨¨ dovrei aver soggezione? Voi non siete di quelli che leggono da giudici i libri degli amici; voi riderete delle mie stravaganze, e mi manderete in ricambio qualche vostra gentile e melanconica novella, che a me, vecchio matto, far¨¤ versare delle lacrime soavi.
Dopo tutto, deve esistere fra noi due qualche affinit¨¤ o consanguineit¨¤ latente, la quale mi farebbe sospettare che discendiamo dal medesimo ceppo.
Sta a vedere, adesso, che ci troviamo parenti!...
Eppure... eppure... Vediamo un po'!--Voi timido, io timidissimo (come rideranno certi grulloni al vedere che io mi dichiaro timidissimo!); voi amante dei fiori e dei bimbi, io coltivatore di asparagi e di patate; voi schivo dalle combriccole, restio alle pompe insignificanti, alle adunanze accademiche, ai banchetti fraterni (Dio! quanto fraterni!)--io pi¨´ orso che uomo socievole, pi¨´ stretto al consorzio dei cani e dei gatti che a quello degli animali chiamati ragionevoli.
Ma non ¨¨ qui il luogo di sviluppare il parallelo; ne parleremo fra noi a quattr'occhi, forse ne abbiam gi¨¤ parlato e abbiamo concluso affermativamente, senza darci la pena di profferire una parola.
Nullameno--poich¨¦ ci siamo--non voglio passarmela senza avvertire il tratto pi¨´ incisivo di somiglianza che esiste fra noi.--Ed ¨¨ questo: che essendoci entrambi, per elezione o per caso, applicati a cucinare e ad imbandire delle vivande per la mensa libraria, noi non abbiamo tenuto conto del menu prescritto dai cuochi massimi, e abbiamo dato, ciascuno, ci¨° che sapeva, e poteva, e voleva dare.
Voi avete recato sulle mense delle gelatine confortanti, delle pesche col rosolio, delle ciambelle leggermente pepate; io dei salsicciotti saturi di grosso sale, delle polpette ripiene di senape e di droghe mordenti. Il fatto rappresenta una antitesi, ma esso deriva da una identica convinzione.
Da circa vent'anni noi assistiamo ad uno spettacolo curioso. Lo si vuol intitolare evoluzione letteraria; e questa evoluzione, se ho ben compreso, vorrebbe indurre quanti sono nel mondo letterati ed artisti a modellarsi sovra un medesimo stampo. Per essere ammessi nella chiesa cattolica governata da codesti massimi centuplicati da tanti minimi, occorre assolutamente di farsi scimmie. L'arte si ha da fare cos¨¬ e cos¨¬--e mentre si pretende disfare la vecchia rettorica e schiacciare il convenzionalismo, ecco insorgere una rettorica nuova pi¨´ circoscritta e pi¨´ gaglioffa dell'antica, un convenzionalismo stupido e barocco, che si arroga di mettere il bavaglio al cervello e di proscrivere la originalit¨¤.
Come sarebbe divertente la letteratura, se tutti i poeti emulassero i sonori giambi del Carducci, od il molle elegantissimo erotismo dello Stecchetti! se tutti i romanzieri spaziassero con voi nell'ambiente sereno della famiglia e della societ¨¤ onesta, ovvero si tuffassero, in compagnia dello Zola, dentro i pantani della corruttela e
Continue reading on your phone by scaning this QR Code

 / 26
Tip: The current page has been bookmarked automatically. If you wish to continue reading later, just open the Dertz Homepage, and click on the 'continue reading' link at the bottom of the page.